#ItalianStyle: La Pizza Capricciosa

29 Set 2015
#ItalianStyle: La Pizza Capricciosa

UN PO’ DI STORIA: La pizza è una specialità gastronomica tipica della cucina napoletana. Inizialmente venivano così chiamate le torte dolci nella città di Napoli, finché dal 1800 il termine pizza non finì per assumere la sua attuale connotazione. L'etimologia del nome pizza non è ancora chiara: probabilmente deriva dal termine napoletano pinsaparticipio passato del verbo latino pinsere cioè pestare, schiacciare, pigiare, o secondo alcuni dalla parola di origine greco-mediterranea pita, che indicava un alimento simile ad una torta o una focaccia.

L’ORIGINALE: Sono molte le varianti alla pizza tradizionale che hanno portato ogni regione a sviluppare impasti dalla consistenza diversa, ma anche diversi abbinamenti a seconda del proprio gusto. Nonostante i gusti delle pizze siano moltissimi, e così i nomi ad esse associati, esistono di fatto degli abbinamenti tradizionali che sono rimasti invariati nel tempo: per esempio la Pizza Marinara, la Pizza Margherita e la Capricciosa, sicuramente tre fra le ricette più antiche di questo piatto.

LA PIZZA CAPRICCIOSA. Il gusto Capricciosa è uno dei più diffusi: presente in tutti i menù delle pizzerie, si tratta di fatto di una pizza ricca di gusto e fantasiosa, dall’aspetto rigoglioso e disordinato (da cui deriva probabilmente il nome) capace di accontentare i gusti di tutti. Nonostante le varianti e le aggiunte possibili, l’originale Capricciosa prevede: prosciutto cotto, carciofini sottolio, funghi trifolati ed olive nere. Inutile dirlo: Valbona adora questa pizza con cui si sposano molti dei suoi prodotti: scoprili tutti nella sezione Grandi Formati dei nostri Prodotti > http://bit.ly/1RHDLbL

 

Altri articoli